L'editoriale
Casse malati in ansia
..

di

“Attenzione alla trappola rossa”, “No a una sanità all’italiana”, “Cassa unica: vicolo cieco”, “Io voto sì alla cassa unica. Martelliamoci i cogl...”. Con bugie, slogan da guerra fredda e cattivo gusto gli avversari dell’introduzione di una cassa malati pubblica stanno cercando di incutere paura nei cittadini e così convincerli che, se vorranno continuare a godere di una sanità di prim’ordine, dovranno votare no il prossimo 28 settembre. Dietro la campagna, dai costi milionari, fatta di affissioni pubblicitarie a tappeto, volantini e opuscoli inviati direttamente nelle nostre case e condita con decine e decine di articoli di giornale compiacenti, vi sono evidentemente gli assicuratori privati che oggi si spartiscono un interessante mercato e temono di perderlo. La virulenza della campagna è spia di grande preoccupazione.

Leggi l'articolo

Pubblicato il

27.08.14
..

L'ultima edizione

29 Agosto 2014
..

Ultime rubriche

..
.. ..
..
L'intervista
..
Lo storico israeliano Ilan Pappé: basta con la narrativa dell'autodifesa

di

..

«Siamo più vicini alla terza Intifada». È il commento ad area di Ilan Pappé, storico israeliano e direttore del Centro europeo per gli studi palestinesi all'Università di Exeter in Gran Bretagna, sull’escalation di violenze nel conflitto israelo-palestinese dopo l’avvio dell’operazione “Margine protettivo”. «I continui attacchi in corso rafforzeranno la campagna internazionale di boicottaggio contro il governo israeliano (Bds), allontaneranno l’Autorità nazionale palestinese (Anp) dal processo di pace e inaspriranno le politiche israeliane nei confronti dei palestinesi, ovunque essi si trovino», denuncia Pappé.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

27.08.14..
..
..
..
Votazione del 28 settembre
..
Franz Steinegger: Si impari dal modello Suva

di

..

L’iniziativa “per una cassa malati pubblica” sta per arrivare all’esame popolare. E l’accesa campagna degli oppositori, con allusioni tendenziose a sistemi sanitari pubblici stranieri, fa perdere di vista ciò che effettivamente la Svizzera è in grado di realizzare ed ha già realizzato, in modo perfettamente funzionante, nel campo delle assicurazioni sociali. Esempio? La Suva. Un istituto che, con la sua efficienza, è la prova che un ente pubblico può rappresentare la soluzione più indovinata quando le cose non vanno per il verso giusto, il mercato in pratica non esiste, la concorrenza è fittizia e gli assicurati vengono trattati, con i continui aumenti di premi, come mucche da mungere. Ne abbiamo parlato con Franz Steinegger, ex consigliere nazionale e presidente del Plr, che dal 1991 fino alla fine del 2013 è stato alla guida dell’Istituto nazionale svizzero di assicurazione infortuni.

Leggi l'articolo

Pubblicato il 

27.08.14..
..
..
..
..
Il caso Graniti Maurino
..

di

Qualcuno lo chiama «il re delle cave». Marzio Maurino è la terza generazione di una dinastia di cavatori iniziatasi nel 1894, quando Giuseppe Maurino acquistò la cava di Biasca allo scopo di fornire il materiale per la costruzione della ferrovia del Gottardo. Oggi, con una cinquantina di dipendenti che estraggono i blocchi, li segano e li lavorano negli impianti attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, Natale e Capodanno compresi, la Graniti Maurino è diventata una delle più importanti aziende nazionali del settore.

Pubblicato il

27.08.14
Sindacato
..

di

 «Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita» scriveva Antonio Gramsci. Cronaca di tre giorni con alcuni militanti che hanno partecipato alla scuola per quadri operai di Unia. E che non sono indifferenti.


Pubblicato il

03.07.14
Lavoro
..

di

Riceviamo la mail di Pasquale Leta, un muratore del Varesotto che ha passato la sua vita professionale nei cantieri del Ticino a costruire strade e case. Dopo un incidente e una malattia si ritrova a dover fare i conti con le procedure che non guardano in faccia alle persone e a vivere senza alcuna entrata a causa di una serie di circostanze sfortunate. L’uomo ci racconta la sua storia, quella «dei poveri diavoli».


Pubblicato il

03.07.14
Solidarietà
..

di

Non tutte le vacanze sono uguali. Proprio no. Ci sono quelle preconfezionate, con formula all inclusive, dove di reale non c’è nulla (forse neppure sé stessi), quelle chiassose con i bimbi sotto l’ombrellone e pure quelle dei 20 anni senza soldi e con in testa il comandamento del divertimento a ogni costo. Ognuno trascorre le ferie come gli pare, anche impiegando il proprio tempo libero in un campo di lavoro e conoscenza all’estero. Scordatevi però i balli a bordo piscina con l’animatore di turno e preparatevi ad affrontare un’esperienza autentica.


Pubblicato il

03.07.14
Dumping
..

di

La prova esiste. Il sindacato Unia, documenti scioccanti alla mano, dimostra che la sostituzione di personale in base ai criteri di anzianità, residenza e qualifica professionale è una realtà nella vendita al dettaglio. È successo alla filiale di Conforama a Grancia nell’arco degli ultimi dieci anni. I dati lasciano presupporre che la sostituzione non sia il frutto di una casualità, bensì di una scelta pianificata.  



Pubblicato il

03.07.14
Edilizia
..

di

Esclusione dai lavori pubblici per tre mesi della ditta Costruzione pavimenti e asfalti (Cpa) di Lugano. Lo ha deciso il Tribunale amministrativo, bocciando il ricorso presentato dall’impresa Cpa. La sentenza vale almeno due notizie rilevanti. La prima: amministratrice unica della Cpa è la consigliera nazionale Roberta Pantani, nonché municipale a Chiasso. La seconda, è la prima volta che a un’impresa viene inflitta l’esclusione dagli appalti pubblici.

Pubblicato il

03.07.14
Razzismo
..

di

Essere fermati dalla polizia per un controllo d’identità e una perquisizione almeno una volta a settimana, senza aver fatto nulla di male, sarebbe estenuante. Eppure per alcune persone questa è oramai diventata la routine, al punto che non si domandano nemmeno più se sia giusto o no: ci hanno fatto l’abitudine. I poliziotti stessi che eseguono questi controlli spesso non si pongono la domanda e cadono nel tranello del profiling razziale perché generalizzano delle costatazioni sorte dalla pratica quotidiana del loro mestiere.



Pubblicato il

03.07.14
Dumping
..

di

«Il dumping salariale e sociale cresce nell’ombra, si nutre e s’irrobustisce grazie all’omertà, al silenzio al quale sono costretti i lavoratori se non vogliono perdere il loro posto di lavoro. Il nostro sito www.denunciamoli.ch vuole essere uno strumento – certo non il solo – per rompere questo sistema attraverso la denuncia ma anche l’informazione, la riflessione».



Pubblicato il

03.07.14
La vignetta
© Vauro 2014

Abbonarsi alla versione
cartacea di area costa
solo 55 franchi!

..
..
..
..
..
.. ..